Informazioni identificative degli immobili posseduti - Art. 30, d.lgs. n. 33/2013:

Consulta l'Elenco fabbricati oppure l'Elenco terreni

L’Azienda dispone del patrimonio immobiliare appartenuto all’ASP Poveri Vergognosi, Giovanni XXII e IRIDeS, derivante per lo più da lasciti ed eredità, e lo distingue in patrimonio disponibile o indisponibile a seconda che sia alienabile o meno.

Il patrimonio indisponibile è costituito dagli edifici che ospitano le sedi amministrative e dei servizi destinati agli anziani e per il disagio sociale. Il patrimonio disponibile è invece costituito dal patrimonio immobiliare destinato alla locazione e dal patrimonio agrario destinato alla locazione e alla conduzione diretta e che, rispettando certe condizioni, può essere alienato.
Il patrimonio agrario, distribuito sul territorio della Provincia di Bologna, è costituito da circa 2.000 ettari, che l'azienda ha affittato a coltivatori diretti con contratti pluriennali e/o annuali.
 
Il patrimonio immobiliare*  
Categoria
N° immobili
%
RESIDENZIALI 665 45%
UFFICI 67 5%
STRUTTURE ASSISTENZIALI

23

1%
UFFICI PUBBLICI 2 0,1%
SCUOLE E LABORATORI 3 0,1%
BIBLIOTECHE, PINACOTECHE, MUSEI, GALLERIE 1 0,07%
NEGOZI 50 4%
MAGAZZINI 94 7%
LABORATORI 11 1%
FABBRICATI PER ESERCIZI SPORTIVI 1 0,07%
AUTORIMESSE 334 23%
TETTOIE CHIUSE E APERTE 4 0,32%
OPIFICI 14 1%
ALBERGHI E PENSIONI 2 0,1%
TEATRI, CINEMA, ECC..... 1 0,07%
FABBRICATI E LOCALI AD USO SPORTIVO 1 0,07%
FABBRICATI AGRICOLI 132 9%
FABBRICATI DESTINATI ALL'ESERCIZIO PUBBLICO DEI CULTI 2 0,1%
ALTRO (AREE URBANE, UNITA', COLLABENTI) 55 4%
TOTALE 1.462 100%
 
L’accesso alle locazioni avviene mediante bandi pubblici aperti alla cittadinanza nei quali vengono indicati i criteri di ammissione. I bandi vengono pubblicati sul sito internet dell’ASP, all’Albo pretorio del Comune di Bologna e/o dei Comuni della provincia e su quotidiani locali/ nazionali.
I contratti di locazione per uso abitativo sono stipulati in base alla legge 431/1998, art. 2 comma 3 (canone agevolato) oppure art. 2 comma 1 (canone libero). I contratti per usi diversi sono stipulati ai sensi della legge 392/1978 (art. 27).