Centro per le famiglie


Risultati immagini per accoglienza familiare Partirà a breve un altro ciclo di incontri per la formazione delle risorse accoglienti. Tale percorso permetterà di conoscere le diverse tipologie di progetti che permettono di sostenere, accogliere bambini/ragazzi e affiancare le loro famiglie. Il gruppo è l'occasione per confrontarsi e ascoltare il racconto di persone che stanno facendo esperienza in tali progetti di solidarietà e affidamento familiare Ecco le date e le sedi per il prossimo percorso formativo sull’affido e l’accoglienza familiare, previsto dalla Direttiva Regionale 1904 del 2011 e successive modifiche, che si articolerà in 5 incontri di 3 ore ciascuno, dalle 17.30 alle 20.30 24 maggio al Centro per le Famiglie di Via Carracci 59 30 maggio al Poliambulaturio AUSL di Via S. isaia 94 6 giugno al Poliambulaturio AUSL di Via S. isaia 94 13 giugno al Centro per le Famiglie di Via Carracci 59 20 giugno al Centro per le Famiglie di Via Carracci 59 Pubblicato il 23 maggio 2018 .

Lunedi 23 aprile è stata inaugurata la nuova sede del Centro per le Famiglie in Via Carracci 59, Bologna. Per l'occasione erano presenti, il Presidente del Quartiere Navile Daniele Ara, l'Amministratore unico di Asp Città di Bologna, Gianluca Borghi, Maurizio Ferretti direttore di IES Istituzione Educazione Scuola, Clede Maria Garavini, Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione, Chiara Labanti, Responsabile del Centro per le Famiglie e Marilena Pillati, Vicesidaca del Comune di Bologna. E’ stata l’occasione per presentare alla città gli spazi, ma soprattutto i servizi e i nuovi progetti dedicati alle famiglie e ai bambini/e della nostra città. Ben arrivato tra noi piccolino! - progetto regionale - intende creare in un’ottica preventiva, una rete solidale e altri interventi a supporto di future mamme, che stanno affrontando il tema della gravidanza e dell’arrivo di un figlio o di una figlia. Il progetto, partito a gennaio, coinvolge tutti i Quartieri della città e si propone di seguire per il 2018 circa una decina di nuclei. Il gruppo di parola è un’esperienza di gruppo per bambini dai 6 ai 12 anni i cui genitori sono separati. Nel gruppo, guidati da esperti, i bambini possono esprimere liberamente le proprie emozioni, i propri dubbi, le difficoltà che incontrano per la separazione dei genitori, attraverso il gioco, il disegno, la scrittura e la parola. Proseguono inoltre i gruppi di formazione per i percorsi di adozione, affido e affiancamento familiare. Leggi il Comunicato stampa Cosa trovi al Centro per le Famiglie: i servizi Rassegna stampa: Il Resto del Carlino Bologna 24/04/2018 Asp, Il Centro per la famiglia ha un'altra casa in via Carracci Corriere di Bologna 24/04/2018 Bimbi e mamme sole, progetto in Bolognina Pubblicato il 24/04/2018

Si è concluso il 21 marzo dopo cinque incontri di tre ora ciascuno il percorso formativo/informativo per risorse accoglienti. Ha visto coinvolte 27 persone di cui 9 coppie e 9 single. Al termine del percorso è stato consegnato un questionario di gradimento (compilato da 22 persone -7 uomini e 15 donne-). In base a questo possiamo dire che l’82% dei partecipanti, ossia la maggioranza aveva più di 40 anni e , in merito all’analisi delle aspettative relative al corso risulta un livello di gradimento pari al 100%. Stessa percentuale è stata rilevata in merito alle conoscenze acquisite sui temi dell’accoglienza familiare. I partecipanti, riguardo agli aspetti organizzativi e la modalità di svolgimento hanno inoltre valutato molto positiva la sintonia tra le conduttrici e a seguire il lavoro di gruppo, la puntualità, l’ orario,il clima e il confronto. La presenza di numerose testimonianze di persone che stanno portando avanti esperienze diverse di accoglienza sono state molto apprezzate come l’approfondimento dell’analisi dei bisogni del bambino nel contesto familiare, scolastico e sociale. La disponibilità successiva che le persone hanno dato riguardo all’affido e alla vicinanza solidale è cosi distribuita: · Affido :quattro coppie · Affido minori stranieri non accompagnati : una coppia · Adulto accogliente ( all’interno di comunità educative ) : due single · Due coppie hanno fatto il corso ma sono residenti nel Comune di S. Lazzaro e continueranno il percorso li · Già impegnate in un progetto di affiancamento/affido : cinque persone · Affiancamento: una coppia e due single · Una persona ha sospeso il percorso per motivi personali. La fase successiva prevede il percorso di conoscenza con le persone che hanno dato la disponibilità. Pubblicato il 10 aprile 2018

Lunedì 23 aprile alle ore 11 inaugurazione delle nuova sede del Centro per le Famiglie ASP, in via dei Carracci 59. Sarà presente la ViceSindaca Marilena Pillati. Nell'occasione, l'équipe del Centro presenterà anche i nuuovi progetti Ben arrivato tra noi piccolino! e i gruppi di parola per genitori di figli separati. La cittadinanza è invitata!

Quattro incontri gratuiti con esperti in campo pedagogico, psicologico e sociologico: Massimo recalcati, Roberto Dal Pozzo, Laura Lecchi, Francesco Campione e Daniele Novara offriranno ai genitori di figli adolescenti occasioni di approfondimento e di confronto in questo complesso periodo educativo. Gli incontri si terranno in Cappella Farnese, Piazza Maggiore 6, dalle 17:30 alle 19:30 nelle giornate seguenti: 4 e 18 aprile, 9 e 21 maggio 2018. Iscrizione on-line: Bologna città educativa Leggi il programma completo Il progetto La promozione del benessere nelle adolescenze è coordinato e promosso dall'Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni del Comune di Bologna e sostenuto dalla Fondazione del Monte.

Ben arrivato tra noi piccolino! è un progetto del Centro per le Famiglie di ASP, (in base alla DGR n. 1333 del 19/04/2017, in attuazione dell’Intesa sopracitata, affida ai Centri per le Famiglie per la realizzazione di interventi dedicati al sostegno alla natalità) che intende creare, in un’ottica preventiva, una rete solidale e altri interventi a supporto di future mamme, che stanno affrontando il tema della gravidanza e dell’arrivo di un figlio o di una figlia. Il nucleo individuato con la collaborazione, principalmente, dei Servizi Sociali Territoriali, coinvolge successivamente diverse professionalità del Centro per le Famiglie che, a seguito di una visita a casa, valuta, insieme alla futura mamma i bisogni, le richieste, le risorse, ecc. Viene così costruito un progetto che può prevedere diversi tipi di intervento sempre seguiti dall’equipe, dedicata, del Centro per le Famiglie, ( assistente sociale, assistente di base, una counsellor, educatrice) che può facilmente interfacciarsi, oltre che con il Servizio Sociale, anche con quello educativo, con l’Istituto educativo e scolastico (IES), con i Centri Genitori e Bambini, Spazi Lettura, con L’AUSL – Dipartimento Cure Primarie (Percorso Nascita e Spazio Mamma) con la Pediatria di Comunità ed eventualmente la Neuro Psichiatria Infantile. E’ possibile, inoltre, un lavoro comune con l’equipe Accoglienza sempre del Centro per le Famiglie per eventuali forme di affiancamento e vicinanza solidale. Il progetto, partito a gennaio, coinvolge tutti i quartieri e si propone di seguire per il 2018 circa una decina di nuclei.

Risultati immagini per assegno al nucleo familiare 2018 Dal 9 aprile si aprirà la possibilità di prendere appuntamento per presentare la domanda per richiedere gli assegni al Nucleo Familiare 2018 ( art. 65 legge 448/98 e successive modifiche) Il contributo , nella sua quota complessiva è fissato per quest'anno in 1857.05 euro . E' riservato alle famiglie che hanno 3 o più figli minorenni e che presentano un Isee inferiore o pari a 8650.11 euro. Le persone interessate potranno recarsi allo Sportello Informafamiglie in orario di apertura ( martedi e giovedi dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30)in Via de' Carracci 59 o telefonare dal lunedi al giovedi dalle 13.00 alle 14.00. Il termine per presentare le domande è il 31 gennaio 2019. Nell'anno 2017 le domande presentate sono state 1213 con 4411 accessi allo sportello.

Il Centro per le Famiglie in collaborazione con il Servizio di Transizione Abitativa di Asp sta organizzando un progetto per aiutare le famiglie ospiti dell’Ex ostello S.Sisto e del Residence Gandhi. Le risorse volontarie , conosciute e formate dall’equipe accoglienza del Centro per le Famiglie , affiancheranno gli educatori delle due strutture offrendo la loro disponibilità per aiutare i bambini dei nuclei ospiti, mettendo in campo le proprie competenze e attitudini per andare incontro ai bisogni espressi. Aiuto nei compiti, attività ludiche, laboratori di cucina, piccoli gruppi anche con le mamme, che in qualche modo rimangano patrimonio della struttura e che possano essere un prezioso aiuto per le famiglie che “ transitano”in questi servizi. Un modo per entrare nel servizio cercando di costruire assieme –volontari e famiglie ospiti- uno “stare” il più piacevole possibile. Il 24 marzo alle 10.30 le risorse individuate dall’equipe del Centro per le Famiglie , gli educatori delle strutture e le famiglie stesse si incontreranno nella struttura dell’ex ostello S.Sisto per conoscere e co-costruire il progetto. Pubblicato il 5 marzo 2018