Contrasto grave emarginazione adulta


Martedì 25 giugno, il Laboratorio BelleTrame di Via Don Paolo Serra Zanetti n. 2 a Bologna, organizza un aperitivo alle ore 19.00 e a seguire verso le ore 19.30 sfilata evento del laboratorio Taglia, Cuci e Sfila .

. L'Associazione Culturale ArteCittà in collaborazione con il Condominio Roncaglio, vi aspettano sabato 15 giugno dalle ore 18.00 in Via Roncaglio n. 11/12 a Bologna per l'inaugurazione dell'orto di Comunità Roncaglio. Parteciperanno Daniele Ara Presidente del Quartiere Navile e Susanna Zaccaria Assessora del Comune di Bologna.Vedi locandina

Anche quest'anno torna ESTATE REGAZ!, il campo estivo divertente e solidale in cui il volontariato diventa un gioco da ragazzi! Insieme giocheremo e ci impegneremo in attività di volontariato e di cittadinanza attiva. Il tutto divertendoci con le attività ideate insieme al laboratorio di comunità R8 (rot-tò), al laboratorio di comunità Happy Center Bolognina e alla struttura San Sisto. ESTATE REGAZ! si terrà anche quest'anno presso il centro d'accoglienza di Via Pallavicini 12, a Bologna, a pochi passi da Piazza dei Colori (Quartiere San Donato - San Vitale, zona Croce del Biacco). Il campo sarà attivo da lunedì 10 a venerdì 21 Giugno 2019 (dal lunedì al venerdì) e ospiterà bimbi e ragazzi tra i 6 e i 18 anni, residenti in Piazza dei Colori ma non solo: i posti disponibili sono 20 a settimana e anche se abiti in un altro quartiere della nostra città sei il benvenuto! Le iscrizioni chiuderanno venerdì 31 Maggio, mentre lunedì 3 Giugno dalle ore 16.00 alle 18.00 incontreremo i genitori dei ragazzi iscritti per presentare lo staff di ESTATE REGAZ 2019 e il programma completo delle attività. VOLANTINO con tutte le informazioni MODULO D'ISCRIZIONE da reinviare compilato all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. document.getElementById('cloakc775dea4cc3bc84eb57499610369176f').innerHTML = ''; var prefix = 'ma' + 'il' + 'to'; var path = 'hr' + 'ef' + '='; var addyc775dea4cc3bc84eb57499610369176f = 'piazzadeicolori21' + '@'; addyc775dea4cc3bc84eb57499610369176f = addyc775dea4cc3bc84eb57499610369176f + 'gmail' + '.' + 'com'; var addy_textc775dea4cc3bc84eb57499610369176f = 'piazzadeicolori21' + '@' + 'gmail' + '.' + 'com';document.getElementById('cloakc775dea4cc3bc84eb57499610369176f').innerHTML += ''+addy_textc775dea4cc3bc84eb57499610369176f+''; ESTATE REGAZ! nasce dalla collaborazione virtuosa tra ASP CIttà di Bologna, angoloB, organizzazione nonprofit attiva dal 2010 con il progetto solidale piazzadeicolori21, e la realtà territoriale costituita dal Laboratorio R-8 di via Pallavicini 12, nato dall’esperienza di Casa Willy e del Centro Rostom nell’accoglienza e nel reinserimento sociale delle persone senza fissa dimora.

Venerdì 24 maggio prende il via la tappa bolognese di ITACA' Migranti e viaggiatori, Festival del turismo responsabile. Giunto alla sua XI edizione il festival propone un ricco programma di eventi, esperienziali e riflessivi, mirati a creare un percorso che dal centro della città conduce sui crinali dell’Appennino bolognese, così vicini e ricchi di natura e storie eppure così poco conosciuti per quanti sono abituati a non oltrepassare le mura felsinee. Diversi gli appuntamenti in collaborazione con ASP Città di Bologna: Mercoledì 29 maggio: GIRA LA CARTOLINA – Storie al centro per luoghi lontani dal centro Un itinerario turistico non convenzionale attraverso due importanti arterie cittadine: via Andrea Costa e via Saragozza. Si andrà alla scoperta di piccoli francobolli di verde e della toponomastica della zona, attraverso il racconto soggettivo delle persone che guideranno. Sequoie della California e torrenti sottoterra, Resistenza e luoghi da ricordare: il punto di vista diverso, per approfondire (o scoprire?) ciò che abbiamo sempre sotto il naso! Ritrovo ore 17 presso la chiesa di San Paolo di Ravone, via Andrea Costa 89. Giovedì 30 maggio: Le creature dell'arrestanza Un workshop gratuito che intende permettere a chi abita il quartiere di prendersi cura di Borgo Panigale, per dare il proprio punto di vista e costruire una mappa comune da cui partire per progettare strumenti e modalità di superamento delle difficoltà riscontrati nei luoghi in cui si è deciso di restare ad abitare. Al workshop parteciperanno anche i richiedenti asilo del Quartiere Borgo Reno ospiti negli appartamenti del progetto SPRAR di ASP Città di Bologna. Altri eventi in città e in Appennino in collaborazione con il Servizio SPRAR Metropolitano Che il viaggio abbia inizio.. Pagina web ITACA Bologna - Scarica tutto il programma di ITACA - Bologna e Appenino bolognese Pubblicato il 24/05/2019

Piazza Grande ha festeggiato 25 anni di attività con una Festa Grande , tre giorni dedicati ai temi della povertà, dell'ambiente e delle discriminazioni. Sabato 18 maggio al Mercato ritrovato, Rosanna Favato, Amministratrice unica di ASP Città di Bologna è intervenuta all'incontro pubblico dal titolo Come si abolisce la povertà? . Hanno partecipano insieme a lei al confronto su come creare valore con le persone senza dimora e come promuovere un’economia civile il Presidente di Piazza Grande Carlo Francesco Salmaso, l’Assessore Marco Lombardo, la Presidente di Legacoop Bologna Rita Ghedini e il professor Alessandro Martelli. I servizi di ASP per il contrasto alla Grave emarginazione adulta Qui il programma completo di Piazza Grande in Festa Le proposte di Piazza Grande per la città: Tuttt* per Bologna, Bologna è per tutt* Aggiornato il 20 maggio 2019

Dal 31 maggio al 2 giugno ritorna il Festival organizzato dall'Associazione Naufragi, in collaborazione con l'Università di Bologna e ASP Città di Bologna, tre giornidi arte, giochi, cultura e sport per creare connessioni e fare rete nel tessuto sociale bolognese. La manifestazione promuove un grande numero di eventi, partendo dalle case dei singoli cittadini con i quali si è svolto un percorso partecipato, all’interno dei salotti, spazi associativi,cortili e cucine aperti. L’evento sarà preceduto da uno spin-off nell’ambito del festival Itacà il 29 maggio, proseguirà poi nelle giornate di venerdì 31 maggio, sabato 1 e domenica 2 giugno. Scarica qui la brochure del programma. PROGRAMMA: Mercoledì 29 maggio - GIRA LA CARTOLINA – Storie al centro per luoghi lontani dal centro (evento lancio nel festival ITACA’) Un itinerario turistico non convenzionale attraverso due importanti arterie cittadine: via Andrea Costa e via Saragozza. Si andrà alla scoperta di piccoli francobolli di verde e della toponomastica della zona, attraverso il racconto soggettivo delle persone che guideranno. Sequoie della California e torrenti sottoterra, Resistenza e luoghi da ricordare: il punto di vista diverso, per approfondire (o scoprire?) ciò che abbiamo sempre sotto il naso! Luogo: quartiere Saragozza – ritrovo ore 17 presso la chiesa di San Paolo di Ravone, via Andrea Costa 89 Orario: ore 17-19.30 Evento su iscrizione Venerdì 31 maggio - BE pART – L’arte come esperienza per incontrare se stessi e gli altri Ogni espressione artistica e i luoghi che la ospitano si trasformano in una esperienza di incontro che coinvolge mente, corpo e cuore, uno spazio di ascolto e riflessione, un’occasione per guardare e pensare se stessi e il mondo. Dedicato a tutte le persone che non smettono mai di cercare prospettive nuove. Luogo: AICIS Bologna, via Marsala 45 Orario: ore 16-18 Evento su iscrizione - MANGIA COME PARLI – Ricette da luoghi lontani e misteriosi! Immersi nella mostra “Colours make a place better” (I Colori dell’Agorà – Comune di Bologna) Nato all’interno del sistema SPRAR del Comune di Bologna, il progetto “Parla come mangi”, ha realizzato un laboratorio di cucina rivolto a ragazzi/e richiedenti asilo e rifugiati, che propongono finger food e piatti fusion tra cucina africana ed emiliano romagnola. La mostra è il risultato del Laboratorio di Fotografia Partecipativa realizzato da Arca di Noè nell’ambito del progetto “I Colori dell’Agorà”che ha visto protagoniste persone residenti nella zona di Piazza dei Colori che hanno realizzato una loro personale e collettiva lettura della Piazza. Luogo: Centro Sociale Ruozi, via Castelmerlo 13 Orario: ore 17.30-20 Evento aperto al pubblico - LE MALE PAROLE – Le donne e le parole: dal facciaffronto allo strascino, da Napoli a Bologna e ritorno! A cura di Francesca Ciampi ed Elisa Dorso Il diritto delle donne anche… alle male parole; da Napoli a Bologna e ritorno. Francesca Ciampi ed Elisa Dorso vi invitano a seguirle in un percorso accidentato, ma divertente che culminerà con la scena finale de “La Gatta Cenerentola” di Roberto De Simone, commentata e tradotta dal napoletano al bolognese. A seguire aperitivo Luogo: Osteria la Buca del Pallone, via del Pallone 4 Orario: ore 21-23 Evento su iscrizione Sabato 1 giugno - APERITIVO DI-TRA-VERSO! Vieni a conoscere Città Prossima-HC e SBS: servizi DI prossimità, luoghi di incontro TRA cittadini con e senza dimora, VERSO un territorio inclusivo. Città Prossima-Help Center e il Servizio Sociale Bassa Soglia si presentano alla Bolognina. I servizi per adulti senza dimora e le associazioni territoriali insieme per costruire un territorio inclusivo. Saranno presenti: Giuliano Barigazzi Assessore alla Sanità e al Welfare del Comune di Bologna Rosanna Favato Amministratrice Unica di ASP Città di Bologna Monica Brandoli Responsabile Servizi di Contrasto alla Grave Emarginazione ASP Città di Bologna Daniele Ara Presidente del Quartiere Navile Luogo: via Albani 2/2 Orario: dalle ore 10 - YES, I AM A WITCH – Lezione aperta al pubblico del laboratorio di danza e espressione corporea per donne migranti e non, guidato dalla coreografa e performer Francesca Penzo. Esperienza di incontro e conoscenza di altre donne e altre culture attraverso la danza e l’improvvisazione corporea. Promosso da Associazione MondoDonna Onlus, Fattoria Vittadini e Cantieri Meticci Luogo: Centro Interculturale Zonarelli, via Sacco 14 Orario: ore 10-13 Evento su iscrizione A casa di Raimonda - MEMORIE D’AFRICA / SOMALIA ANNI ’30 Fondo Giuseppe Vecchi Archivio Home Movies – Bologna – Mostra fotografica, video-letture Isabella e Giorgio Marincola: una famiglia italo-somala tra colonialismo, immigrazione e post colonialismo. A seguire aperitivo Luogo: salotto nel centro storico Orario: ore 14-16 Evento su iscrizione - PRESENTAZIONE DEL MANIFESTO DEI LABORATORI DI COMUNITÀ E DEL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCHOOL4COMMUNITY! Intervengono Monica Brandoli ASP città di Bologna Alessandro Tolomelli Università di Bologna Giacomo Rossi Associazione Naufragi Orario: ore 16-17.30 Laboratori aperti a cura degli studenti del Liceo delle Scienze Umane, Giordano Bruno di Budrio (BO) Luogo: Centro Belletrame, via Sabatucci 2 Orario: ore 17.30-20 - IL GIOCO TRADIZIONALE APRE LA VIA DEL PORTO! I giochi popolari sul territorio bolognese all’interno delle comunità, dei centri accoglienza e della collettività: hanno lo scopo di recuperare antiche tradizioni secondo un approccio rivolto alla persona e alla sua integrazione, vienili a provare. È aperto ad ogni età! A cura di UISP Bologna Luogo: Cortile del co-housing presso, via del Porto 15 Orario: ore 16-18 Evento aperto al pubblico A casa di Serena - EMPATIA In collaborazione con TAZ Temporary Art Zone “Empatia” è un evento organizzato in una casa privata che, per l’occasione, si trasforma in una zona d’arte temporanea in collaborazione con l’Associazione Culturale TAZ Temporary Art Zone. Gli artisti invitati proveranno a rispondere alla domanda “Che cos’è l’empatia?”, condividendo le loro risposte artistiche e riflessioni con il pubblico. A seguire aperitivo Luogo: salotto in zona Costa/Saragozza Orario: ore 19-22 Evento su iscrizione Domenica 2 giugno A casa di Monica - LA QUESTIONE DEL POTERE NELLE RELAZIONI: desiderio di riconoscimento, bisogno di sicurezza ma anche rischio di disporre della vita altrui, senza rispetto per l’altro. Reading di testi, narrativa, sul potere nelle relazioni amicali, di coppia, professionali, sociali. A seguire brunch (con cibo portato dai partecipanti) Luogo: salotto in zona centro storico Orario: ore 11-13 Evento su iscrizione - LABORATORIO PERCUSSIONI NEL CORTILE DEL COHOUSING PORTO Laboratorio partecipato di percussioni e prove aperte alla scoperta della Murga Con la Murga Maraveia di Bologna Luogo: Cortile del co-housing presso, via del Porto 15 Orario: ore 17-19 A seguire aperitivo Evento aperto al pubblico - UNA RETE PER UN CANESTRO! – Torneo di basket a squadre con la Fortitudo Academy Società Dolce, in collaborazione con Fortitudo Academy, propone di mettere a contatto giovani atleti accolti in Foresteria con i migranti richiedenti protezione internazionale, attraverso l’organizzazione di un torneo: è aperto a tutti ed è possibile iscriversi come squadra. Squadre a tre con premiazione a cura di un giocatore della Fortitudo a sorpresa! Segui la call sulla pagina Facebook di Naufragi. Luogo: Centro Sportivo Torreverde, via Lame 298, Castel Maggiore Orario: ore 10-13 Evento su iscrizione, seguiranno info sul sito - SCRIVILA TU! – Laboratorio di composizione musicale e creatività testuale Laboratorio di composizione musicale e creatività testuale. Durante il laboratorio verranno insegnate le tecniche base di composizione di una canzone, dalla base musicale al testo, e verrà prodotta una canzone sul tema del Festival con l’apporto dei partecipanti. A seguire brunch Luogo: Centro storico, via Goito 11 Orario: ore 11-15 Evento su iscrizione, seguiranno info sul sito - GRANDE FESTA FINALE DELLA BOLOGNA DI TRA VERSO In collaborazione con Binario 69 Festa finale con giochi, proiezione video e concerto. Luogo: Montagnola Orario: ore 19-23 Evento aperto a tutta la cittadinanza

Martedì 14 maggio, presso il centro Beltrame-Sabatucci in Via Don Paolo Serra Zanetti n. 2, si terrà l'evento MIXEDSOUNDS, un viaggio tra occidente e oriente, una serata tra epoche e latitudini diverse”. L’evento inizierà per le ore 19.00 con la presentazione del libro “Via Veneto” di Simone Fiorito, per poi passare al gruppo musicale Apokalypto Fusion che ci accompagneranno con il progetto “ Fusai Fusa Shamballa”. Ricordiamo che l’ingresso sarà da Via Paolo Fabbri 110, a fianco del mercato. Scarica qui la locandina Pubblicato il 14 maggio 2019

Un mese alla scoperta del Teatro dell'Oppresso! Dal 7 maggio ogni martedì dalle 17.30 alle 19.30 negli spazi del Centro di Accoglienza Beltrame, in via Sabatucci 2 a Bologna, si terrà il laboratorio di Teatro dell'Oppresso. Un gruppo di giovani ragazzi appassionati, attrici, attori, ricercatori curiosi che hanno deciso di sperimentarsi insieme, lanciandosi in questa avventura. L'intento è che sia un'occasione non solo per gli ospiti del Beltrame ma per tutta la comunità. Si metteranno in gioco attraverso l'uso del corpo e cercheranno di riflettere tutti assieme, passando da un'ottica individuale ad un'ottica collettiva. Il Teatro dell’Oppresso si basa su un sistema di giochi, esercizi e tecniche per portare allo scoperto i conflitti presenti nelle nostre società e cercare soluzioni collettive. Nato in Brasile negli anni ’60, è sia una metodologia educativa che uno strumento di trasformazione sociale, utilizzato in tutto il mondo in molteplici ambiti. Iniziativa in collaborazione tra Società Dolce, Consorzio l’Arcolaio, Associazione Naufragi, ASP Città di Bologna. Scarica qui il volantino del laboratorio. Pubblicato il 9 maggio 2019

Nel corso del Piano Freddo 2018-2019, i servizi messi in campo dal Comune di Bologna attraverso l’ASP (Azienda Servizi alla Persona) hanno accolto 451 persone nei 273 posti letto a disposizione all’interno delle strutture dell’Amministrazione e dell’Arcidiocesi (261 posti), ai quali si sono aggiunti dal 19 dicembre al 3 marzo i 12 posti della Comunità di Sant’Egidio. Durante le quattro allerte meteo dello scorso inverno, sono stati aggiunti in tutto 125 posti. E oggi, passate le temperature rigide, delle persone accolte ne rimangono 80 ancora da accompagnare nel percorso di sostegno: per questa ragione, dal primo aprile scorso, la struttura Fantoni che era stata dedicata al Piano Freddo, ha aperto le sue porte per chi ha un reddito ma non riesce a sistemarsi in un alloggio autonomo, pertanto fino a novembre potrà contare su un posto letto a fronte di un contributo alle spese. L’efficacia del Piano Freddo è stata garantita anche dalle nuove modalità di azione dell’Help Center che quest’inverno è diventato itinerante e ha operato direttamente in strada, permettendo agli operatori di intercettare le persone bisognose di accoglienza in modo più mirato. Ha fatto centro anche la casella email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. document.getElementById('cloak57456b2da94067447bf590856d2bd545').innerHTML = ''; var prefix = 'ma' + 'il' + 'to'; var path = 'hr' + 'ef' + '='; var addy57456b2da94067447bf590856d2bd545 = 'instrada' + '@'; addy57456b2da94067447bf590856d2bd545 = addy57456b2da94067447bf590856d2bd545 + 'piazzagrande' + '.' + 'it'; var addy_text57456b2da94067447bf590856d2bd545 = 'instrada' + '@' + 'piazzagrande' + '.' + 'it';document.getElementById('cloak57456b2da94067447bf590856d2bd545').innerHTML += ''+addy_text57456b2da94067447bf590856d2bd545+''; , aperta per raccogliere le segnalazioni dei cittadini sulle persone che dormono in strada: in quattro mesi, da dicembre a marzo, sono arrivati 1.338 messaggi, con un picco in gennaio (22 mail al giorno). La partecipazione dei cittadini è stata talmente alta che il Comune ha deciso di mantenere aperta la casella email per continuare a ricevere le segnalazioni di disagio e accrescere così la relazione tra gli operatori e la città. Piano Freddo 2018-2019: i servizi attivati e le persone accolte Delle 451 persone accolte durante il Piano Freddo, 398 sono uomini e 53 donne. La maggioranza (40%) ha un’età compresa tra 45 e 64 anni. La novità principale di quest’inverno ha riguardato l’Help Center che è diventato mobile: gli operatori sono usciti dall’ufficio per raggiungere le persone bisognose di accoglienza direttamente nei luoghi dove trascorrevano giorno e notte. Le uscite sono state guidate dalle segnalazioni da parte dei servizi, delle stesse persone senza dimora e dei cittadini attraverso la casella email. Le persone accolte erano per la maggior parte già conosciute dai servizi di prossimità. I casi non conosciuti sono stati messi in protezione rapidamente e sono state diverse le persone che non avevano mai accettato l'accoglienza e che durante l'inverno hanno cambiato idea e hanno accettato un posto all'interno delle strutture: è il frutto più prezioso della complicata e lunga attività di relazione che gli operatori portano avanti con queste persone. In generale, la situazione nelle strutture di accoglienza è stata serena, con un numero inferiore di allontanamenti rispetto agli anni precedenti. Il valore aggiunto ai servizi dell'Amministrazione è stato portato dalla grande rete di volontari che hanno supportato gli operatori nel monitoraggio in strada e hanno tra l'altro organizzato, quotidianamente, le cene nelle strutture. Le novità La ricchezza costruita durante il Piano Freddo dunque continua a dare frutti: delle persone inserite nei mesi invernali, 80 hanno la necessità di proseguire il percorso di accoglienza, per ragioni diverse. Per questo, il Comune ha individuato soluzioni sia per le persone anziane, sia per coloro che stanno lentamente costruendo la propria autonomia ma hanno ancora bisogno di essere accompagnate all’uscita dalla condizione di disagio che stanno attraversando. Le persone anziane verranno inserite all'interno di comunità alloggio e case famiglia, mentre le persone che hanno un reddito ma sono ancora senza casa, dal primo aprile fino a novembre saranno accolte dalla struttura Fantoni, riservata solo a loro. Chi può permetterselo, pagherà una quota per rimanere nella struttura. Si tratta di posti letto che permettono alle persone accolte di sperimentare una fase iniziale di autonomia accompagnata e monitorata, con la prospettiva, a novembre, di aver costruito le condizioni per uscire e andare a vivere in un proprio alloggio. Tra le ultime novità c'è la nuova sede del Servizio sociale bassa soglia e dell'Help Center, che dal 18 marzo scorso si trovano in via Albani 2/10 e via Albani 2/2. Lo spostamento di sede ha consentito locali più ampi e accoglienti e una maggiore sinergia tra i due servizi. Il Servizio sociale bassa soglia non ha più l'accesso diretto: le persone già in carico vengono ricevute dagli operatori solo su appuntamento, una modalità di gestione migliore ed efficace. L'accesso diretto per le persone, nuove o già conosciute, viene svolto dallo sportello di Help Center che effettua una prima valutazione e predispone interventi rapidi e urgenti in base alle necessità delle persone. Lo sportello è aperto al pubblico tutti i giorni dell'anno dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18, e il sabato, domenica e festivi dalle 15.30 alle 18. Nei due servizi lavorano 11 assistenti sociali e 3 educatori. Infine in questi giorni entra in funzione l'app di geolocalizzazione che agevola gli operatori nel lavoro in strada e attraverso la quale è possibile localizzare in tempo reale le segnalazioni dei cittadini. L'app è utilizzata dagli operatori del Servizio Città Prossima che durante le uscite inseriscono le informazioni sulle persone incontrate, sulle azioni svolte e sui luoghi monitorati. 17 aprile 2019 - Comunicato stampa del Comune di Bologna http://www.comune.bologna.it/news/piano-freddo-il-bilancio-dei-servizi-accolte-451-persone-1300-mail-di-segnalazione-di-persone

La Presidente del Quartiere Savena Marzia Benassi in visita alla Casa del Riparo Notturno per donne senza fissa dimora, Madre Teresa di Calcutta. In occasione della Festa di Primavera, del 9 aprile scorso, la Presidente ha fatto visita alla struttura per sole donne di Viale Felsina e ha partecipato alla presentazione delle attività, dei servizi offerti e del percorso educativo che gli operatori mettono in atto per aiutare le persone a vedere e riconoscere le proprie risorse e capacità residue. Madre Teresa rappresenta l'unica realtà di genere per donne senza fissa dimora sul territorio di Bologna, una delle poche in Italia e descrive un ventaglio di tutte le diverse declinazioni del disagio al femminile. Pubblicato il 17 aprile 2019

Tre nuove realtà nascenti, tre prototipi di start up e tanti nuovi progetti in cantiere: ecco le novità che arrivano dai laboratori di comunità, servizi del Comune di Bologna e gestiti da ASP Città di Bologna, spazi di socialità che in città favoriscono la contaminazione culturale e l’incontro tra cittadini di età e background diverso, con e senza dimora, al fine di rafforzare i legami sociali, l’inclusione e la capacitazione personale e di gruppo. “Questo è un momento particolarmente favorevole”, commenta Simona Quartieri, referente di ASP Città di Bologna per i laboratori di comunità. “Nei prossimi mesi, ai 5 laboratori già esistenti (E-20, Happy Center, Scalo, Belletrame e Gomito a Gomito) si aggiungeranno tre nuove realtà: R8, Tessuti Urbani e laboratorio di sartoria del centro Madre Teresa di Calcutta. Segno del fatto che il lavoro sul territorio sta dando i suoi frutti”. Il laboratorio R8 nasce all’interno del condominio Pallavicini 12, struttura a bassa soglia che ospita anche persone con forti fragilità sanitarie. “I rapporti di vicinato non sempre sono stati facili, ma quest’estate, con la vittoria del bilancio sociale, si è rafforzata la collaborazione con le associazioni di Piazza dei Colori”, continua Quartieri. “È proprio da questa sinergia che nasce questo laboratorio di comunità, che ha l’obiettivo di creare eventi e momenti di incontro nel quartiere”. Tessuti Urbani invece è una succursale del laboratorio Gomito a Gomito, situata nel quartiere Borgo Panigale – Reno. “Abbiamo un gruppo di ascolto e condivisione di storie, dedicato al sostegno alla genitorialità per famiglie e adolescenti”, racconta Quartieri. “E poi c’è il progetto Antenne, in cui gli operatori e gli ospiti si fanno ricettori delle fragilità per indirizzare le persone al servizio più consono”. Infine c’è il laboratorio di sartoria del centro Madre Teresa di Calcutta, che si occupa di accoglienza di donne, nato in stretta collaborazione con il laboratorio E-20 e svolto proprio nei suoi spazi: un corso di taglio e cucito, rivolto alle ospiti del centro ma anche a privati cittadini. Nel frattempo, all’interno dei laboratori di comunità Belletrame, Happy Center e Scalo, sono state ideate tre start-up: Gira la cartolina!, progetto del laboratorio Scalo che offre tour condotti da guide turistiche amatoriali (tra cui persone senza dimora e studenti), per mostrare al turista una Bologna diversa; Ciap, piattaforma nata nel laboratorio Belletrame per offrire un servizio di portierato di quartiere, dove le persone si offrono per lavoretti come piccole manutenzioni, babysitter, dogsitter, aiuto a far la spesa per gli anziani; e infine Pasta Grande, laboratorio di produzione di pasta fresca nata all’interno di Happy Center. “I laboratori di comunità stanno assolvendo al loro obiettivo di creare occasioni di incontro e scambio tra persone diverse, e speriamo che in futuro le opportunità aumenteranno ancora”, conclude Simona Quartieri. Tratto da ASPNEWS 1/2019 - Scarica il pdf ASP NEWS 1 2019

Si tratta della prosecuzione del progetto Ricicl-arti dello scorso anno. ASP Città di Bologna in collaborazione con Hera e l'Associazione Cantieri Meticci , coinvolge nell'iniziativa anche gli ospiti dei servizi del Condominio Lazzaretto. Primo appuntamento mercoledì 17 Aprile dalle ore 18.30 alle 20.30. Questa iniziativa connette lavoro educativo sulla raccolta differenziata e realizzazione di manufatti con materiali di recupero. Tutti gli abitanti della zona sono invitati a partecipare per progettare e migliorare insieme la zona verde in cui si vive. L'appuntamento alla fontana di pietra , con aperitivo finale. Vedi Volantino Pubblicato il 12 aprile 2019