Transizione Abitativa


Beverara 129 propone da lunedì 1 ottobre, in Via della Beverara n. 129, un corso gratuito di prima alfabetizzazione in lingua italiana L2 per analfabeti. Il corso è finalizzato all'acquisizione e allo sviluppo delle competenze di base per partecipare ai corsi di livello A1 e A2. L'obiettivo è quello di permettere l'acquisizione delle competenze di base di scrittura e lettura attraverso l'uso di strumenti informatici e di supporti cartacei. Vedi programma. Pubblicato il 13 Settembre 2018

Il digitale è ovunque, la storia educativa è costellata di tecnologie sempre in cerca di connessione , proprio per questo è iniziato l’8 maggio un Laboratorio digitale,presso il Condominio Roncaglio in via Roncaglio 10/11. Un percorso gratuito, finanziato con fondi europei e articolato in 6 incontri a numero chiuso. Il corso si svolge dalle 14.00 alle 16.00 ed è tenuto da due Digital Coach. Vedi volantino. Nessuna tecnologia da sola può cambiare la società ma nello stesso tempo la società può cambiare e fare un salto di qualità se è in grado di utilizzare le opportunità che offrono le tecnologie. Oggi si impara moltissimo anche fuori dalla scuola. Il tema fondamentale diventa quindi la motivazione. Agganciare la motivazione in genere non è facile, ma farlo ignorando linguaggi e potenzialità del “digitale” è davvero difficile. Pubblicato il 17 Maggio 2018

Con Delibera dell'Amministratore unico Gianluca Borghi, ASP ha approvato un protocollo di intesa con il Comune di Bologna, Hera S.p.A. e Hera Comm. S.r.l., per azioni a sostegno degli utenti in carico ai Servizi Sociali del Comune di Bologna e di ASP, con morosità nei servizi acqua, teleriscaldamento, gas, energia elettrica forniti dalle società del Gruppo Hera. L’intento è quello di garantire risposta concreta ai bisogni essenziali di famiglie e persone in momenti di difficoltà. Tra gli obiettivi principali del protocollo, ridurre le condizioni di disagio socio-economico delle famiglie o persone in stato di bisogno accertato e prevenire la sospensione delle forniture. Una misura concreta per sostenere famiglie e nuclei in difficoltà, attraverso un lavoro di rete con i vari servizi presenti sul territorio, che mira a prevenire l’insorgere di situazioni emergenziali e a garantire la realizzazione di piani di intervento migliorativi delle condizioni sociali di nuclei e famiglie. Pubblicato il 1 febbraio 2018

BEVERARA 129 il nuovo centro di aggregazione all'interno degli spazi di ASP Città di Bologna, in collaborazione con Labidea e CVL (Coordinamento Volontari Lame), organizzano corsi gratuiti di “Taglio e Cucito” – “ Sartoria e Accessori” indirizzati alle donne. Avranno inizio il 4 ottobre 2017 presso i locali di Via della Beverara, 129/c. Vedi locandina I corsi hanno come obiettivo quello di insegnare le nozioni di progettazione di vestiti, modellistica, taglio, cucito e dare gli strumenti per Riparare e Ri-creare i propri abiti ed accessori. Sono corsi in cui la creatività si coniuga con la l'acquisizione di nozioni di base di cucito e dell'utilizzo della macchina da cucire: per imparare divertendosi. Pubblicato il 25 Settembre 2017

All’interno degli spazi di ASP Città di Bologna, nell’ex studentato Battiferro in Via della Beverara 129, Labidea e CVL (Coordinamento Volontari Lame) organizzano un laboratorio di Modellismo: tutti i giovedì e i martedì mattina, da giovedì 15 Giugno, dalle ore 10:00 alle ore 12:00. Per informazioni e iscizioni scarica qui il volantino dell'iniziativa. Pubblicato il 6 Giugno 2017

Sabato 6 maggio il condominio solidale Beverara129 (in via della Beverara 129 a Bologna) si svolgerà la Festa di Primavera Ci sei il sei? . A partire dalle ore 10, laboratori e attività ecologiche, giochi, attività di riciclo, pranzo etnico e tanto divertimento per grandi e piccini. L'obiettivo di Beverara129 non è solo quello di rispondere all'emergenza abitativa, ma anche di coinvolgere questi nuclei familiari e i minori in percorsi di inclusione. Guarda il programma della giornata. Approfondisci cosa è Beverara 129 Pubblicato il 2 maggio 2017

E' uscito il primo numero del periodico redatto dai ragazzi che partecipano LabIdea, il laboratorio organizzato all'interno di Beverara129 , il condominio solidale inserito in un complesso residenziale di edilizia popolare in via della Beverara 129 a Bologna. LabIdea è uno spazio dove allenare la mente non i muscoli....uno spazio aperto a tutti i ragazzi che vogliono sperimentare attraverso il gioco tecniche di espressione nuove e creative. Sfoglia il primo numero Leggi anche Dall'emergenza abitativa all'autonomia sociale Beverara129: benessere, solidarietà e condivisione al Navile Pubblicato il 12 Dicembre 2016

Sabato 2 aprile è stato inaugurato Beverara129 , il nuovo centro di aggregazione, condivisione e solidarietà nella zona Lame di Bologna (via della Beverara 129). Sono intervenuti: il Sindaco Virginio Merola, l'Assessore Amelia Frascaroli, il Presidente del Quartiere Navile Daniele Ara, l'Amministratore unico di ASP Gianluca Borghi, il Consigliere del Settore Sociale della Fondazione Carisbo, le Organizzazioni di Volontariato e le Associazioni del Terzo Settore che realizzano i progetti all'interno del centro. Consulta la locandina dell'evento Photo gallery Pubblicato il 22 Marzo 2016

Il Galaxy è un progetto individuato per l’accompagnamento alla transizione abitativa avviato il 15 ottobre 2015 e nato dalla collaborazione tra Comune di Bologna, ASP e Associazione Piazza Grande. In tre mesi di attività sono stati accolti 71 nuclei familiari: attualmente al Galaxy vivono 274 persone, di cui 146 sono maggiorenni e 128 minori. Si tratta di nuclei familiari prevalentemente di nazionalità straniera in situazione di disagio socio-economico. Seguendo un approccio orientato all’empowerment e al lavoro di comunità, al Galaxy sono state attivate assemblee tra i residenti, laboratori e collaborazioni con le realtà del territorio. Ogni due settimane si tengono delle assemblee con l’obiettivo di sviluppare relazioni positive tra i residenti, individuare le criticità e trovare le soluzioni più idonee, coinvolgendo tutti gli abitanti. Visto che i minori sono molti, all’interno del residence sono stati attivati alcuni laboratori, gestiti e/o supervisionati dall’équipe, tra cui: • un laboratorio di sostegno scolastico per ragazzi e ragazze delle scuole medie e primarie; • un laboratorio ludico ricreativo; • un laboratorio finalizzato all’allestimento di una biblioteca e una ludoteca all’interno dei locali. Nei pomeriggi in cui non sono previsti laboratori, le mamme residenti al Galaxy si sono organizzate in autonomia per la gestione della sala giochi che si trova nella struttura. Nonostante l’iniziale diffidenza, ad oggi non vi sono particolari difficoltà nel rapporto con i cittadini della zona e, anzi, grazie all’ottima accoglienza ricevuta dalle realtà già attive sul territorio, dal Quartiere e dai suoi abitanti, si sono potute attivare collaborazioni e iniziative. Il 18 dicembre 2015, è stata organizzata da Associazioni Riunite, in collaborazione con altre realtà sociali, la Festa del dono e del baratto e il Galaxy ha aperto le porte agli abitanti del quartiere per festeggiare insieme. In particolare è stato allestito un mercato del baratto, un laboratorio di lettura rivolto ai più piccoli e organizzato dalla biblioteca di Quartiere, uno spettacolo di improvvisazione teatrale organizzato da Zoè Teatri. L’evento ha avuto un impatto positivo sia sui residenti del Galaxy, che sugli abitanti del quartiere che hanno partecipato con entusiasmo. Infine, con la partecipazione delle Librerie Coop, Coop Adriatica e Centro Lame è stata organizzata nel periodo natalizio la campagna “Una montagna di libri”; una raccolta di libri e giochi destinati alla struttura. Il risultato è stato ottimo: moltissime sono state le persone che hanno risposto all’appello. La campagna è terminata con una festa aperta a tutti gli abitanti del territorio al Centro Lame il 30 gennaio. Tratto dal periodico di informazione di ASP Città di Bologna_Mosaico News nr. 1/2016

Il 5 ottobre 2015 il Comune di Bologna ci ha consegnato la struttura di Via Fantin 15, ex Residence Galaxy, per avviare un progetto di accoglienza per famiglie bolognesi in emergenza abitativa. La struttura è stata data in affitto da INAIL al Comune di Bologna, nell’ambito di una concertazione tra Prefettura e Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, per affrontare concretamente questa emergenza sociale. In 10 giorni, come ASP, abbiamo riavviato gli impianti, pulito la struttura, effettuato le manutenzioni necessarie, ripristinato la funzionalità di camere ed attrezzature: un palazzo di 5 piani, 97 camere (di cui 85 ammobiliate con bagno e angolo cottura), diversi locali di servizio, tra cui una lavanderia, una palestra (con annessi spogliatoi) e sotterranei da adibire a garage o magazzini. Il 15 ottobre sono entrate le prime famiglie, individuate dall’équipe casa del Comune di Bologna, che valuta le situazioni di emergenza abitativa ed indica un ordine di priorità per l’ingresso nelle strutture individuate. Le famiglie accolte aderiscono ad un progetto che le vede protagoniste di percorsi di integrazione sociale, verso la progressiva autonomizzazione dalla condizione di disagio che li ha portati nell’emergenza abitativa, determinata spesso da sfratti o dalla necessità di lasciare alloggi in condizioni igieniche precarie. Firmano un patto di collaborazione con il Comune e con ASP impegnandosi a corrispondere una cifra pari a 200 euro mensili, quale quota di contribuzione ai costi del servizio. Il progetto prevede azioni finalizzate alla ricerca di situazioni abitative più stabili nel tempo (quello massimo è di 18 mesi), il recupero di una dimensione di socializzazione e di integrazione nel contesto cittadino, nella scuola e nel quartiere. Per questo operatori sociali professionali di ASP e Piazza Grande, operano nella struttura tutti i giorni della settimana: dialogano con le famiglie, parlano dei problemi dei nuclei per individuare insieme ai diretti interessati soluzioni idonee e si occupano dei percorsi di inserimento scolastico dei bambini. Per un primo periodo la struttura è dotata di un portierato sociale, attivo sia il giorno che la notte: operatori socio-sanitari che lavorano nei reparti delle strutture di ASP per gli anziani da molti anni, selezionati per tenere costantemente monitorati gli accessi, garantire azioni per la vivibilità e la convivenza, supportare i nuclei nelle prime fasi della vita comunitaria, accompagnare all’uso degli appartamenti, alla loro manutenzione, alla gestione di una vita che prevede momenti di socializzazione in locali appositamente attrezzati. La presenza di questi nuclei non è stata vissuta bene nel quartiere in un primo periodo; si teme che un accentramento di famiglie in condizioni di disagio possa portare problemi di sicurezza, episodi di degrado e quindi svalutazione dei prezzi degli appartamenti. Abbiamo incontrato le persone che pensano questo ed aperto un dialogo per costruire condizioni di “buon vicinato”. Lavoriamo al fine di integrare nella città questo condominio, fatto di persone che hanno avuto un problema di emergenza abitativa, aiutati da attività di volontariato, associazionismo, parrocchie in uno scambio di opportunità, per gli adulti che devono poter trovare un lavoro, per i bambini che devono poter frequentare le strutture scolastiche e ricreative, per gli abitanti del quartiere, che devono poter vivere bene l’arrivo di tante famiglie. Tratto dal periodico di informazione di ASP Città di Bologna_Mosaico News nr.3/2015

Martedì 1 dicembre alle ore 11.30 si è tenuta una conferenza stampa in via Beverara 129 presso l'ex studentato Battiferro sul tema: Progetto emergenza abitativa con annesso progetto valorizzazione sociale degli spazi comuni denominato Beverara 129 . Erano presenti: Gianluca Borghi, Amministratore unico ASP città di Bologna Amelia Frascaroli, Assessore ai Servizi Sociali Daniele Ara, Presidente Quartiere Navile Rassegna stampa Comune di Bologna Ag.Dire ER Corriere Bologna online Repubblica Bologna online Radio Città Fujiko.it Corriere Bologna Il Resto del Carlino Bologna Pubblicato il 30 Novembre 2015

Il 14 gennaio Gianluca Borghi Amministratore unico, Elisabetta Scoccati Direttore Generale, la responsabile del Sevizio Inclusione Sociale Simona Cavallini, con alcuni operatori dello stesso servizio (Erika Barducci, Raffaele Marchesini, Stefania Aspari), il Presidente del Quartiere Navile Daniele Ara con il responsabile del Servizio sociale, Domenico Pennizzotto e alcune Associazione del Coordinamento Volontariato Lame, hanno incontrato le famiglie che oggi risiedono nella struttura di via della Beverara 129b (ex studentato Battiferro). La struttura nei giorni a ridosso del Natale 2014 era stata occupata da alcune famiglie; l’ASP aveva provveduto allo sgombero per poi poter procedere ad assegnare gli appartamenti a favore di nuclei familiari in condizione di disagio abitativo segnalati dai servizi sociali cittadini. Durante l’incontro sono stati affrontati diversi temi: la sinergia con le Associazioni del territorio per la realizzazione di progetti ed iniziative per le famiglie residenti nel complesso e per il quartiere; la gestione della struttura e la collaborazione tra i nuclei familiari, l’integrazione dei bambini nel mondo della scuola. Il buon clima instaurato, la volontà di collaborazione fra le famiglie, le Associazioni, il Quartiere e l’ASP, sono aspetti positivi che vanno al di la della mera risposta all’emergenza abitativa, ma intendono dare opportunità di relazione, al fine del raggiungimento dell’autonomia sociale. Leggi l'articolo sul progetto Battiferro Pubblicato il 16 Gennaio 2015