"Dodici mamme" di Dicenta Severina

 

Dodici mamme sopra una panca

stavan facendo una cuffia bianca

una cuffietta con tanti fiocchi

dodici cuffie per i marmocchi

Per i marmocchi non giunti ancora

ma che ben presto fosse aurora

avrebbe messo un capino biondo

in faccia al sole in faccia al mondo.

 

Dormon tutti dentro una cuna[1]

dodici bimbi guardan la luna

la candeluccia si sta smorzando[2]

dodici mamme stanno vegliando

dodici veglie, preghiere a Dio

 “Dio buono vigila il bimbo mio”.

 

Passano i giorni e passano gli anni

passano le fasce, le cuffie e i panni

spuntano i denti un giorno in fretta,

il nome mamma si balbetta

si chiede al babbo la minestrina

e un po’ per volta poi si cammina.

 

Passano gli anni velocemente

restan le mamme che amaramente

pensano quando lì sui ginocchi

dondorellavano i bei marmocchi.

Un giorno scuotesi tutta la terra

romba il cannone "Questa è la guerra"!

Dodici mamme son trepidanti

perché partono i dodici fanti.

 

Dodici vecchie sopra una panca

come la neve la testa è bianca

dodici vecchie testine bianche

vegliano sempre e mai son stanche

dodici mamme e dodici cuori

Dodici affetti

mille dolori

Dodici pianti

Dodici attese

nessun ritorno.

 

Dodici mamme stanno vegliando

Dodici veglie preghiere a Dio

“Dio buono vigila il bimbo mio”

Ninna nanna ninna oh

Ninna nanna ninna oh.



[1]Culla

[2]Spegnendo