Giunto alla terza tappa del suo percorso il progetto Arte Cultura e Territorio ci presenta una realtà in grado di portare luce nello scuro delle notti più buie di molte famiglie migranti: la mensa dell'Antoniano.
Dove consumare un pasto caldo, in una dimensione familiare, non dà ristoro solo al corpo ma nutre e scalda il cuore.
Un'intervento, quello che affrontiamo in questa terza tappa di ACT, che coinvolge l'intero nucleo familiare e che si fonda sull'importanza del connubio bisogno/intervento.
Attraverso il Centro d'ascolto, infatti, si procede all'intercettazione ed alla raccolta dei bisogni delle famiglie e si predispone, di conseguenza, l'attivazione della rete cittadina dei servizi. 
Molto è stato realizzato anche per il miglioramento della relazione genitori-figli, in particolar modo attraverso l'attivazione di tre laboratori: Massaggio infantile AIMI, Suonigioco e Lifeskills che coinvolgono bambini appartenenti a fasce di età differenti.
Nell'articolo maggiori approfondimenti...
ACT...to be continued!