Protezioni Internazionali

“L’Estate ragazzi” alla Parrocchia San Paolo di Ravone di Bologna è un appuntamento fisso dell'estate, atteso da grandi e piccoli, che quest’anno si caratterizzerà per una nuova ed importante esperienza umana e di fede. Dall’ 8 al 26 giugno, gli animatori della Parrocchia, saranno affiancati da tre giovani volontari, Richiedenti Asilo provenienti dalla Costa D'Avorio, ospiti del Centro di Accoglienza e Soccorso “Milliario 28” gestito dall’ASP Città di Bologna. Attraverso giochi, scenette, laboratori e soprattutto vivendo insieme gioiosamente, trascorreranno ogni momento della giornata con i ragazzi/e che parteciperanno al centro estivo. Una estate che avrà i colori dell’integrazione sociale, un’esperienza di incontro e crescita dove “sperimentarsi” in nuovi ruoli. Per questi volontari sarà un modo, oltre che per rendersi utili, per creare relazioni e far riflettere su queste delicate tematiche sociali. Pubblicato l'8 Giugno 2015
E' on line il sito di Bologna cares! la campagna di comunicazione del progetto SPRAR del Comune di Bologna coordinato da ASP Città di Bologna. Con Bologna cares! si intende sensibilizzare la cittadinanza sul tema della protezione dei richiedenti asilo e dei rifugiati e comunicare che la nostra città si fa carico della propria parte di accoglienza, con attività messe in campo da istituzioni e privato sociale. Il tema portante della campagna 2015 sarà incentrato sulle storie dei richiedenti asilo e rifugiati che, a seguito dell'accoglienza, sono riusciti a realizzare un percorso di inserimento nel tessuto socio-economico del territorio. Vai al sito Bologna cares!. Pubblicato il 7 Maggio 2015
Martedì 14 aprile alle ore 12 è stato inaugurato il primo Hub Minori dell'Emilia Romagna, una struttura di accoglienza per minori stranieri non accompagnati, in Via Siepelunga 66 a Bologna. All'inaugurazione erano presenti il Prefetto di Bologna Ennio Mario Sodano, il Sindaco Virginio Merola, l'Amministratore di ASP Gianluca Borghi e il Direttore Generale Elisabetta Scoccati. L'immobile, originariamente scuola elementare, è stato ristrutturato ed arredato da ASP Città di Bologna per adattarlo alla nuova progettazione del Comune di Bologna “Hub Accoglienza Minori Emilia-Romagna” afferente al Fondo Asilo Migrazione Integrazione (FAMI). Casa Merlani garantisce 37 posti di accoglienza per minori non accompagnati di sesso maschile. Oltre a questa struttura sono coinvolte nel progetto del Comune di Bologna anche le comunità “Il Ponte” (10 posti disponibili per maschi) e “La Ginestra” (3 posti disponibili per femmine), per un totale di 50 posti complessivi. Il 23 marzo sono stati accolti a Casa Merlani i primi 21 ragazzi di minore età, passati dall’accoglienza per adulti del Centro Mattei ad una realizzata specificatamente per loro. Successivamente sono stati accolti altri minori e ad oggi sono 30 le persone che usufruiscono quotidianamente dei servizi di prima accoglienza, protezione, consulenza ed orientamento che l’equipe educativa e i professionisti coinvolti erogano ai minori. I minori accolti sono di nazionalità gambiana (12), senegalese (7), maliana (1), nigeriana (1), ivoriana (3), guineana (1), egiziana (1), bengalese (4). Sono in corso, in collaborazione con i servizi territoriali, tutte le procedure di screening sanitario, identificazione, consulenza sui diritti dei minori e avvio di procedure di ricongiungimento familiare volte poi, nell’arco di 60/90 giorni, al trasferimento degli stessi minori in progetti di seconda accoglienza mirati sulle effettive esigenze personali. Rassegna Stampa Emilia Romagna Sociale Corriere di Bologna Radio Città del Capo BolognaToday Ansa Emilia Romagna TRC' (Teleinformazionemodenese) Leggi il precedente articolo sulla struttura Casa Merlani Pubblicato il 14 Aprile 2015
Bologna cares! è la campagna di comunicazione del progetto SPRAR del Comune di Bologna coordinato da ASP Città di Bologna, aderente alla rete nazionale del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR). Continuano nel 2015 le attività di informazione e sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza sul tema dei richiedenti asilo e rifugiati. Le azioni del programma di Bologna cares! si svilupperanno come nel 2014 nell’arco delle due semestralità dell’anno di cui la prima culminerà con gli eventi programmati intorno alla giornata del 20 giugno (giornata mondiale del rifugiato). Gli eventi della seconda semestralità saranno definiti e programmati nel corso dei prossimi mesi, anche a seguito degli stimoli che giungeranno dai risultati delle attività sviluppate nella prima parte dell’anno. Alla luce di quanto avvenuto in Italia nel corso del 2014 e del rilevante numero di persone arrivate nel nostro paese, l’accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati, oltre che un’emergenza nazionale, è soprattutto un dovere della politica europea, nazionale, delle amministrazioni locali ma anche delle singole persone. Il tema portante della campagna 2015 sarà incentrato sulle storie dei richiedenti e rifugiati che, a seguito dell’accoglienza, sono riusciti a realizzare un percorso di inserimento nel tessuto socio- economico del territorio. Questo tema sarà collegato ad un focus sui grandi rifugiati della storia, con l’intento di portare all’attenzione di tutti il concetto di asilo come pratica di accoglienza e ospitalità nata nella tradizione dei popoli nomadi 3.500 anni fa. Non si tratta quindi di un diritto istituito negli ultimi anni bensì di un valore riconosciuto da sempre e radicato nella storia delle società. Di seguito il programma della campagna Bologna cares! Pubblicato il 26 Marzo 2016
Visto il crescente numero di migranti che giungono in Italia per richiedere protezione internazionale, dal prossimo 14 aprile, una seconda struttura viene inserita nell'ambito dell'operazione umanitaria Mare Nostrum , in convenzione con la Prefettura: il centro di accoglienza Massimo Zaccarelli, sito in Via del Lazzaretto, 15 a Bologna. Sarà gestista da ASP Città di Bologna ed accoglierà un massimo di 40 persone. Si tratta di un ulteriore importante passo per fronteggiare il flusso straordinario di cittadini extracomunitari e dare risposta con azioni volte a fornire supporto a persone in condizione di bisogno. Pubblicato il 26 Marzo 2015
ASP ha realizzato la ristrutturazione dell’immobile di Via Siepelunga per adattarlo alle esigenze della nuova progettualità per il miglioramento della capacità del territorio italiano di accogliere temporaneamente minori stranieri non accompagnati. Si tratta di una struttura di elevata specializzazione e costituisce la prima esperienza di Hub (centri di prima accoglienza) regionale. Il Comune di Bologna (capofila) insieme a soggetti del terzo settore hanno aderito ad un avviso pubblico del Ministero dell’Interno per la presentazione di progetti “per il miglioramento della capacità del territorio italiano di accogliere minori stranieri non accompagnati”. L’obiettivo del punto unico regionale sarà quello di tutelare i beneficiari del progetto dal momento della presa in carico e di procedere, dopo 60/90 giorni nel centro di prima accoglienza, verso il percorso di seconda accoglienza: all’interno del sistema SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) o presso altre strutture. L’elemento qualificante del progetto è costituito dalla presa in carico multidisciplinare, con particolare attenzione anche agli elementi di vulnerabilità dovuti alla storia di vita e di immigrazione di questi ragazzi. Per questo motivo il progetto prevede il coinvolgimento dell’equipe territoriale integrata dei minori non accompagnati di riferimento , coordinata e convocata periodicamente da ASP, alla quale partecipano stabilmente gli esperti del dipartimento di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’AUSL di Bologna. Sono previste 13.600 giornate di accoglienza complessiva, a favore di circa 150 ragazzi, con una capacità di accoglienza di 50 posti (a rotazione) così articolati: 37 posti presso le ex scuole Merlani di via Siepelunga 10 posti presso la struttura di pronta accoglienza Il Ponte 3 posti presso la struttura di pronta accoglienza La Ginestra ASP si fa carico, oltre all’operazione di ristrutturazione, anche dell’allestimento /arredamento della struttura e comparteciperà alla gestione della stessa in modalità da definire. Pubblicato il 24 Marzo 2015
Mercoledì 18 marzo alle ore 21, presso la Sala del Consiglio Comunale di San Giovanni in Persiceto (Bologna), verrà presentato il libro Tutta la vita in un foglio - memorie di richiedenti asilo , che raccoglie e racconta le testimonianze di acluni profughi attualmente ospitati sul territorio bolognese. Il volume, realizzato nell' ambito di Bologna cares!, la campagna di comunicazione del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) del Comune di Bologna a cui partecipa anche ASP Città di Bologna, verrà letto in sala a seguito della presentazione e consegnato gratuitamente a tutti gli intervenuti. Trovate qui la locandina completa relativa all' evento. Pubblicato l'11 Marzo 2015
Prendersi cura, ascoltare, rappresentare... Prenderà il via nel mese di aprile il “Percorso di sensibilizzazione e formazione per tutori volontari” organizzato dal Comune di Bologna in collaborazione con la Cooperativa Sociale Camelot – Officine Cooperative e ASP Città di Bologna nell'ambito del progetto SPRAR minori del Comune di Bologna. Giunto alla sua seconda edizione il percorso si rivolge a cittadini, volontari e a tutti coloro che vogliano conoscere e approfondire il tema della tutela dei minori, con riferimento particolare ai minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo. L'obiettivo è infatti di formare volontari disponibili ad assumere la tutela legale di minori in carico ai servizi territoriali, identificando così nella società civile cittadini pronti ad acquisire le competenze necessarie all'esercizio del delicato e importantissimo ruolo di tutela. Il percorso, completamente gratuito, prevede 7 incontri che si terranno a Bologna a partire dal 14 aprile. I principali argomenti trattati riguarderanno gli aspetti formali della tutela legale del minore, la rete dei servizi, gli attori del territorio, il sostegno psicologico. I relatori del percorso formativo saranno esperti del settore e rappresentanti delle principali istituzioni coinvolte nei percorsi di presa in carico sociale dei minori. Sono previste inoltre alcune attività laboratoriali, che vedranno la partecipazione di tutori volontari già attivi sul territorio bolognese. Il programma completo Per iscrizioni: Il corso è aperto a tutti i cittadini di età compresa tra i 25 e i 65 anni, italiani o stranieri (purché in regola con il permesso di soggiorno). La partecipazione è gratuita, con frequenza minima richiesta dell'80%. Per partecipare è necessario iscriversi entro il 18 marzo compilando l'apposita scheda in allegato (e autocertificazione assenza carichi pendenti ) inviandola a: Chiara Guidoreni (Cooperativa Camelot - Ente gestore SPRAR minori del Comune di Bologna), cell. 3703144827, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. document.getElementById('cloak5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28').innerHTML = ''; var prefix = 'ma' + 'il' + 'to'; var path = 'hr' + 'ef' + '='; var addy5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28 = 'chiaraguidoreni' + '@'; addy5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28 = addy5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28 + 'coopcamelot' + '.' + 'org'; var addy_text5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28 = 'chiaraguidoreni' + '@' + 'coopcamelot' + '.' + 'org';document.getElementById('cloak5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28').innerHTML += ''+addy_text5cd9e3e9498f702d6bf6dc33cca33a28+''; Per maggiori informazioni: Chiara Guidoreni (Cooperativa Camelot - Ente gestore SPRAR minori del Comune di Bologna), cell. 3703144827, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. document.getElementById('cloakd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a').innerHTML = ''; var prefix = 'ma' + 'il' + 'to'; var path = 'hr' + 'ef' + '='; var addyd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a = 'chiaraguidoreni' + '@'; addyd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a = addyd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a + 'coopcamelot' + '.' + 'org'; var addy_textd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a = 'chiaraguidoreni' + '@' + 'coopcamelot' + '.' + 'org';document.getElementById('cloakd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a').innerHTML += ''+addy_textd5fdbb63165e1f221b259a0e50544e4a+''; Antonella Tosarelli (Comune di Bologna, Dipartimento Benessere di Comunità, Settore Servizi Sociali, Uff. Tutele e Protezione), Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. document.getElementById('cloak1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b').innerHTML = ''; var prefix = 'ma' + 'il' + 'to'; var path = 'hr' + 'ef' + '='; var addy1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b = 'Antonella.Tosarelli' + '@'; addy1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b = addy1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b + 'comune' + '.' + 'bologna' + '.' + 'it'; var addy_text1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b = 'Antonella.Tosarelli' + '@' + 'comune' + '.' + 'bologna' + '.' + 'it';document.getElementById('cloak1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b').innerHTML += ''+addy_text1f5b3f35125d7ce3e23802a4846a0f7b+''; Pubblicato il 25 Febbraio 2015
Dall'1 gennaio 2015 ASP Città di Bologna gestisce direttamente la struttura di accoglienza per profughi di Via del Milliario. Si tratta di una delle strutture, di proprietà di ASP, individuata dalla Prefettura in accordo con il Comune di Bologna nell'ambito dell'operazione “Mare Nostrum”, che da’ accoglienza sulle 24 ore ai profughi che vengono ospitati prima nei Centri di identificazione e poi destinati nelle diverse strutture presenti in tutta Italia. La struttura accoglie tra le 40 e le 50 persone. Operatori assunti da ASP Città di Bologna sono presenti tutto il giorno e tutta la notte, anche per accompagnamenti al percorso di riconoscimento dello status di rifugiati, per progetti di autonomia e per l'insegnamento della lingua italiana. Vengono garantiti, come in tutte le strutture di questo tipo, oltre al posto letto, vitto e interventi di servizio sociale. Gli operatori sono stati attentamente selezionati da ASP per la loro esperienza in progetti di integrazione o per la sola custodia notturna. Sono presenti durante il giorno mediatori interculturali per le principali lingue di provenienza. Gli ospiti sono uomini adulti e ASP Città di Bologna sta valutando possibili forme di integrazione con altri servizi gestiti dalla stessa ASP a livello cittadino (strutture per anziani) in attività ausiliarie e di relazione interculturale. Per la produzione dei servizi alberghieri ASP Città di Bologna si avvarrà del contributo della cooperazione sociale di tipo “B”, che impiega soggetti svantaggiati. Pubblicato il 30 Dicembre 2014
Nel tardo pomeriggio di mercoledì 10 dicembre, ASP Città di Bologna ha partecipato alla presentazione del volume Tutta la vita in un foglio”, che raccoglie le memorie di alcuni richiedenti asilo transitati in Italia tra il 2011 e il 2014. Le memorie pubblicate sono state raccolte nel territorio bolognese e appartengono a persone accolte nell’ambito dei progetti SPRAR e in altri progetti di accoglienza. L' Assessore comunale ai Servizi Sociali, Amelia Frascaroli, ha presentato l’'esperienza dei profughi nella nostra città, rispondendo alle domande del pubblico sul sistema di accoglienza a Bologna; il Direttore generale di ASP, Elisabetta Scoccati, ha parlato della necessità di evoluzione del sistema cittadino delle protezioni internazionali verso una stabilizzazione degli interventi, oltre a sottolineare l'estrema professionalità degli operatori che ogni giorno accolgono i cittadini richiedenti asilo presso lo sportello ASP di via del Milliario. Sandra Federici, curatrice del volume, ha presentato il libro in cui sono raccolte 53 storie di migranti richiedenti asilo, le loro tristi esperienze di vita per ottenere un permesso di soggiorno. Molti racconti descrivono le preoccupazioni e i timori che hanno vissuto: la fuga dalla guerra, gli omicidi dei familiari a cui hanno assistito, il difficile e pericoloso viaggio, il timore di essere catturati, ma anche momenti di speranza e felicità. Il rappresentante dell'Unchr e membro della commissione territoriale di Bologna, Pietro Tesoriero ed il regista Andrea Segre hanno portato riflessioni interessanti sui temi della memoria; memoria pervasa spesso dalla rimozione e che oscilla continuamente tra l'utilità (quella di avere il riconoscimento dello stato di profugo) e la difficoltà di narrare, del dolore e della sofferenza. Memoria di persone che sono scappate dalla sofferenza, dalla guerra e dalle persecuzioni; persone che si rivolgono ai servizi di ASP per accoglienza, ascolto e richiesta di aiuto. Le relazioni sono state intervallate dalla lettura di alcuni brani. Molto pubblico, la curiosità di alcune domande e, al termine, la proiezione del documentario “Come il peso dell’acqua” di Giuseppe Battiston, Stefano Liberti, Marco Paolini e Andrea Segre. Pubblicato il 15 Dicembre 2014
Venerdì 12 dicembre alle 18.30 presso il Centro Sociale Croce del Biacco, via Rivani 1, Bologna, si terrà un meeting di Auguri Natalizi. Per l'occasione, ci sarà un breve momento informativo e di confronto sul tema dell'accoglienza condivisa. Evento parte di Bologna cares! Campagna di comunicazione del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati - SPRAR. Tutta la cittadinanza è invitata. Volantino Pubblicato il 10 Dicembre 2014
Mercoledì 10 dicembre, nell'ambito di “Bologna Cares!” - campagna di comunicazione del Progetto territoriale Sprar del Comune di Bologna (Sistema Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), si svolgerà una serata aperta al pubblico, durante la quale verrà presentato il libro “Tutta la vita in un foglio – memorie di un richiedente asilo” e proiettato il documentario “Come il peso dell’ acqua”. L’evento, il cui obiettivo è sensibilizzare la cittadinanza alla realtà dei rifugiati politici, si svolgerà presso Atelier Sì, in via San Vitale n. 69, Bologna. Dalle ore 18 alle ore 19,30 presentazione del libro Tutta la vita in un foglio a cui interverrà anche l' Amministratore unico, Gianluca Borghi; dalle ore 19,30 alle ore 22,40 proiezione del documentario Come il Peso dell' acqua . Durante la serata sarà offerto un aperitivo a tutti i partecipanti. - il volantino dell' evento - il comunicato stampa dell' evento - la scheda del libro Tutta la vita in un foglio - la scheda del documentario Come il peso dell' acqua Pubblicato il 2 Dicembre 2014